User

Password

Recupero Password

Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI

Come ridurre i costi dell'energia elettrica: proposte d'intervento a difesa degli utenti

Pubblicazione


Autore: G.N. Rocca

Collana: BT - 13 - Mar 01 - Come ridurre il costo dell'energia: proposte concrete di intervento

Note:
Un esame del settore energetico in Italia non può non partire dal contesto economico

legislativo e politico all’interno del quale il sistema energia è inserito.

Il mercato dell’Energia Elettrica, fino ad oggi dominato dall’ENEL, è destinato in un

prossimo futuro ad aprirsi alla concorrenza così come stabilito da una direttiva europea. In

Italia il decreto di liberalizzazione è entrato in vigore da poco ed in conseguenza di ciò,

l’ENEL resterà comunque in possesso della rete di trasmissione, ma dovrà dividere con il

mercato la produzione. Entro il 2003 sarà costretta a cedere almeno 15.000 megawatt di

capacità produttiva, pari al 50% della produzione, tuttavia la possibilità di acquistare energia

da imprese diverse dall’ENEL è concessa solo ad quelle società o a quei consorzi che

consumano grosse quantità d’energia, quindi la liberalizzazione è per ora accessibile solo alle

utenze non domestiche. Tutto ciò in un periodo in cui la questione energetica sta assumendo

una rilevanza crescente, tale che non è difficile ipotizzare un sempre maggiore incidenza del

costo energetico sui bilanci delle famiglie italiane ed anche sul trend di crescita del sistema

Italia. Il prezzo del greggio è passato dai 10/15 dollari al barile di due anni fa, ai 25/27 attuali

con punte di 30/35 dello scorso anno. Fare previsioni per il futuro è sempre difficile, tuttavia

abbiamo delle certezze che fanno assumere al fenomeno dei caratteri strutturali più che

congiunturali. In passato le crisi petrolifere furono provocate da fattori esogeni al sistema: la

crisi di Suez, la guerra del Kippur, il conflitto Iracheno, e dopo che questi eventi transitori

furono superati il prezzo del barile ritornò ai livelli precedenti. Attualmente siamo in presenza

di un fenomeno diverso poiché esiste un aumento generalizzato della domanda d’energia.


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy