User

Password

Recupero Password

Path: Home » Indice Pubblicazioni » Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI » CA - 56 - Napoli 2001 » Analisi Termoeconomica di un impianto...

Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI

Analisi Termoeconomica di un impianto di dissalazione tipo Multi-Stage Flashing

Pubblicazione


Autore: P. Fiorini, E. Sciubba

Collana: CA - 56 - Napoli 2001

Note:
L’articolo sviluppa l’analisi Termo-Economica di un impianto di dissalazione di tipo MSF, condotta sulla base di una configurazione reale di impianto. L’impianto in considerazione, composto da un totale di 42 stadi ripartiti in 39 di heat recovery e 3 di heat rejection, è alimentato da vapore di processo e il distillato prodotto è destinato alle esigenze industriali di stabilimento e non ad una utenza civile (quindi le caratteristiche del dissalato sono diverse da quelle specificate per usi domestici). Una pseudo-ottimizzazione exergetica dell’impianto si ottiene conducendo uno studio termodinamico in corrispondenza di differenti condizioni di funzionamento e di differenti configurazioni. I calcoli d’impianto (bilanci di massa ed energia, diagrammi di flusso dell’exergia, calcolo dei costi monetari ed exergetici) sono eseguiti utilizzando un codice di calcolo modulare per la simulazione di impianti termici, CAMEL © , sviluppato presso il dipartimento di Meccanica ed Aeronautica dell’Università di

Roma ”La Sapienza”. Il vincolo imposto per il funzionamento dell’impianto è lo stato termodinamico del vapore di alimento entrante nel Brine Heater, che fissa la temperatura di condensazione. La Top Brine Temperature, temperatura della salamoia di flashing entrante nel primo stadio ad alta pressione, è determinata quindi dal valore della portata del vapore di processo che alimenta l’impianto, anch’essa fissata da esigenze e vincoli produttivi dello stabilimento. Lo studio è quindi condotto simulando il comportamento dell’impianto e calcolandone la produzione annua, determinando così la penalità o il beneficio economico che deriva da scelte costruttive differenti. In particolare, dato che l’impianto in considerazione è composto da un numero di stadi rilevante, è conveniente individuare le diverse soluzioni impiantistiche variando il numero di stadi e la superficie di scambio termico del condensatore situato all’interno di ogni singolo stadio.


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy