User

Password

Recupero Password

Path: Home » Indice Pubblicazioni » Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI » CA - 56 - Napoli 2001 » Il modello PHS (predicted heat strain...

Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI

Il modello PHS (predicted heat strain) per gli ambienti severi caldi

Pubblicazione


Autore: G. Alfano, F.R. d’Ambrosio, G. Riccio

Collana: CA - 56 - Napoli 2001

Note:
La norma ISO 7933 (ISO, 1989) "Analytical determination and interpretation of thermal stress using calculation of the Required Sweat Rate", diventata con lievissime modifiche norma europea (CEN, 1997) e quindi norma UNI (1999), è stata spesso criticata in quanto non sempre in accordo con dati sperimentali. Le critiche hanno riguardato principalmente:
- la previsione della temperatura della pelle;
- l’influenza dell’abbigliamento sui meccanismi di convezione, irraggiamento ed evaporazione;
- l’effetto del movimento sulla resistenza termica dell’abbigliamento;
- l’effetto dell’attività sulla temperatura del nucleo corporeo;
- la valutazione della produzione di sudore;
- i livelli limite di “allarme” e di “pericolo”.
Con una ricerca finanziata dalla Comunità Europea l’indice “Required Sweat Rate”, alla base della ISO 7933, è stato completamente rivisto; in particolare sono stati cambiati gli algoritmi per il calcolo degli scambi termici corpo-ambiente, i valori massimi di alcune grandezze, i criteri limite, la valutazione della produzione di sudore, della temperatura del nucleo corporeo e del tempo di esposizione ammissibile.
In questo lavoro viene presentato il nuovo modello, che è stato chiamato Predicted Heat Strain (PHS): vengono analizzati i cambiamenti proposti e viene descritto il metodo che è stato usato per validare il modello.


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy