User

Password

Recupero Password

Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI

Processo di ossicombustione del carbone per il controllo delle emissioni di CO2

Pubblicazione


Autore: H. Farzan, S. Vecci, D. McCauley, P. Pranda, R. Varagani, F. Gautier, J.P. Tranier, N. Perrin, G. Cremonesi

Collana: BT - 43 - Lug 08 - Il controllo della CO2 negli impianti di produzione energia

Note:
Il carbone è oggi il combustibile fossile per la generazione di energia elettrica a minor costo e più semplice da reperire, oltre che una preziosa risorsa in grado di svincolare la
produzione di energia dall’impiego del petrolio. Malgrado ciò, non è semplice ottenere
l’approvazione per la costruzione di nuovi impianti a carbone. La preoccupazione più
rilevante nel processo di combustione è l’elevata produzione di anidride carbonica, uno dei gas che contribuiscono all’effetto serra. Per ovviare a tale problematica si stanno
sviluppando processi di pre-combustione, post-combustione ed ossicombustione, al fine di concentrare la CO2 in uscita dagli impianti di produzione di energia elettrica e favorirne il sequestro. Babcock & Wilcox Power Generation Group, Inc. (B&W) in collaborazione con Air Liquide (AL) ha dimostrato che il processo di ossicombustione del carbone è una soluzione economicamente e tecnologicamente valida per la produzione di energia elettrica.
Nel 2007 un impianto CEDF1 di proprietà della B&W è stato modificato per operare
secondo il processo di ossicombustione del carbone. Di seguito saranno descritte le
modifiche realizzate al CEDF, gli ultimi test sul processo di ossicombustione ed i risultati
ottenuti.


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy