User

Password

Recupero Password

Path: Home » Indice Pubblicazioni » Rivista La Termotecnica - Accesso riservato soci CTI » 2007, numero 06 » Il cambiamento climatico. Nuove basi ...

Rivista La Termotecnica - Accesso riservato soci CTI

Il cambiamento climatico. Nuove basi scientifiche e scenari di impatto

Pubblicazione


Autore: A. Ballarin Denti, M. Lapi

Collana: 2007, numero 06

Note:
I Governi dei 183 Paesi riunitisi a Nairobi hanno dimostrato di aver ben compreso come, a causa dei cambiamenti del clima già in atto, sia in gioco, assieme agli equilibri bio-geo-fisici del pianeta, lo sviluppo futuro dell’umanità.
Che si tratti di un’emergenza è noto ad intere popolazioni delle regioni più esposte del pianeta (il sud-est asiatico, le isole del Pacifico, le regioni circumpolari, l’Africa sub-sahariana), dove le nuove condizioni climatiche stanno già provocando drammatiche conseguenze. Ma anche nelle aree più protette del mondo l’incremento dei cosiddetti eventi meteorologici estremi è già avvertito come un fattore di crescente pericolo, per i considerevoli danni economici prodotti e per il numero di decessi incidentali ad essi correlati.
L’Intergovernmental on Climate Change (IPCC) redige periodicamente un rapporto dettagliato sulle basi scientifiche del fenomeno, sugli impatti prodotti sui sistemi naturali e antropici e sulla loro prevedibile evoluzione in funzione di differenti scenari di sviluppo socio-economico e tecnologico.
È in tal modo possibile valutare l’effetto di politiche mirate al contenimento dei determinanti antropici del global change.
Le principali cause antropiche consistono:
- nell’incremento dei gas ad effetto serra;
- nella deforestazione e nel cambiamento di uso del suolo.
Le previsioni sui futuri cambiamenti del clima annunciano una situazione catastrofica entro la fine del secolo se non si attuano interventi efficaci


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy