User

Password

Recupero Password

Path: Home » Indice Pubblicazioni » Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI » CA - 60 - Roma 2005 » Studio sul comportamento di globoterm...

Convegni ATI - Accesso riservato soci CTI

Studio sul comportamento di globotermometri in condizioni di asimmetria della temperatura radiante

Pubblicazione


Autore: L. Fontana

Collana: CA - 60 - Roma 2005

Note:
I sistemi di riscaldamento e di raffrescamento basati sull’impiego di vaste superfici (pavimenti, soffitti) caldi o freddi riscuote crescente favore, poiché la disponibilità di nuovi materiali per le tubazioni, gli allettamenti, i supporti consentono di ottenere quelle proprietà di durevolezza ed affidabilità, la cui carenza costituiva fino a qualche tempo fa il principale ostacolo alla diffusione di tali sistemi, nonostante godessero di caratteristiche, quali la modesta invasività architettonica, la riduzione dei moti dell’aria e conseguente movimentazione di polvere, la facilità di pulizia, l’impiego di calore a temperatura moderata, particolarmente utili soprattutto in talune applicazioni quali quelle ospedaliere, scolastiche, edifici di culto ecc. , e foriere di potenziali risparmi energetici (uso di termopompe, calore solare ecc.).
In siffatti sistemi peraltro ai fini della realizzazione di condizioni di benessere e della necessaria temperatura operante, gli scambi radiativi e la temperatura radiante assumono importanza ben più grande che negli impianti tradizionali; e di conseguenza cresce l’importanza delle modalità di misura e controllo di tale grandezza; ma al tempo stesso, inevitabilmente il campo radiativo tende a diventare asimmetrico.
Nel presente lavoro è stato effettuato uno studio teorico di primo approccio sul più comune strumento impiegato per la misura delle temperatura radiante, cioè del globotermometro, se usato in condizioni di asimmetria della temperatura radiante. E’ stata messa in evidenza l’opportunità di definire in modo più completo le caratteristiche di globotermometri destinati ad operare in ambienti radiativamente disuniformi e dissimmetrici, in particolare per quanto riguarda il materiale e lo spessore dell’involucro, la posizione del sensore di temperatura, le proprietà radiative della superficie interna. E’ anche stata evidenziata l’opportunità di meglio definire anche a livello normativo, la forma raccomandata per il globotermometro, nonché la caratterizzazione della disuniformità del campo radiativo prendendone in considerazione anche le caratteristiche direzionali.


Per scaricare il Documento devi essere loggato!



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy