User

Password

Recupero Password

Path: Home » News » Scelti per voi: ancora sul 55%

Scelti per voi: ancora sul 55%

SALTA LA PROROGA DEL 55%
Sul sito del Sole 24 Ore dell’11 novembre un articolo di Nicoletta Cottone annuncia la mancata proroga degli incentivi e fa una prima analisi delle conseguenze di questa decisione. Ve ne proponiamo una parte:
« Salta la proroga della detrazione del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici.
Per i Verdi a rischio molti posti nella green economy
È saltata la proroga al 2011 della detrazione Irpef del 55% sulle spese per l'efficientamento energetico degli edifici. La misura doveva essere introdotta nella legge di stabilità (ex Finanziaria) dal maximendamento del Governo. Una misura, sollecitata anche dalle file di Futuro e libertà, che è stata cassata per la ristrettezza delle coperture individuate per il maxiemendamento: i 5,5 miliardi invece dei sette necessari, non hanno consentito la proroga dell'incentivo fiscale per i lavori finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica delle case attraverso la riqualificazione degli edifici, la sostituzione di finestre, infissi, pavimenti o impianti di climatizzazione o l'installazione di pannelli solari. Un bonus in vigore fino alla fine del 2010 che non è cumulabile con altri incentivi riconosciuti a livello locale o dalla Comunità europea per gli stessi interventi. […]
 I dati dell'Enea segnalano che tra il 2007 e il 2009 i privati hanno investito 7,9 miliardi per effettuare interventi agevolati (infissi isolanti, caldaie a condensazione, panelli solari, coibentazioni). Alla fine del 2010, si stima, il totale arriverà a 11,1 miliardi, che corrispondono a 6,1 miliardi di detrazioni.
Per il presidente nazionale dei Verdi per la Costituente ecologista, Angelo Bonelli, il taglio del bonus fiscali del 55% per le eco-ristrutturazioni è «il colpo mortale alla modernizzazione del Paese e mette a rischio decine di migliaia di posti di lavoro legati alla green economy»
Sono moltissimi i contribuenti che hanno scelto di ristrutturare casa o cambiare la caldaia effettuando interventi diretti al risparmio energetico da aprile 2007 a oggi. Interventi che fra le altre consentono di ridurre di molte tonnellate le emissioni annue di anidride carbonica (una riduzione calcolata in poco meno di 200mila tonnellate l'anno). Fra i più gettonati le coibentazioni (infissi e pannelli isolanti a pareti e soffitti) e la sostituzione delle vecchie caldaie. Ma è possibile anche la riqualificazione globale dell'edificio e l'installazione di pannelli solari per l'acqua calda.
Una misura che ieri il ministro dell'Ambiente Prestigiacomo «aveva garantito nel corso dell'audizione», accusa Raffaella Mariani, capogruppo del Pd in commissione Ambiente, ma che nella serata è stata «clamorosamente smentita dal vice ministro all'Economia Vegas. «Il governo con questo modo di procedere incerto e contraddittorio - ha detto l'onorevole Mariani - continua a colpire migliaia di imprese e cittadini, oltre che confermare ogni volta il disprezzo per politiche positive per l`ambiente […]».



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy