User

Password

Recupero Password

Path: Home » News » Scelti per voi: CONFINDUSTRIA PREOCCU...

Scelti per voi: CONFINDUSTRIA PREOCCUPATA PER L’INNALZAMENTO DEGLI OBIETTIVI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI DIOSSIDO DI CARBONIO.


CONFINDUSTRIA PREOCCUPATA PER L’INNALZAMENTO DEGLI OBIETTIVI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI DIOSSIDO DI CARBONIO.
Riportiamo il lancio con il quale l’agenzia Adnkronos ha riferito dell’iniziativa della Presidente di Confindustria Marcegaglia nei confronti del Presidente della Commissione Europea Manuela Barroso sulle quote di CO2:
La presidente di Confindustria Emma Marcegaglia  ha inviato una lettera al presidente della Commissione europea, Manuel Barroso, in merito alla proposta dell'esecutivo Ue di esaminare un aumento dal 20% al 30% della riduzione delle emissioni di CO2 al 2020. Ne da' notizia una nota di viale dell'Astronomia in cui si legge che Marcegaglia ricorda come gli obiettivi fissati dal pacchetto clima dell'Unione europea, adottato alla fine del 2008, rappresentino già una sfida importante per il nostro Paese.
''L'Italia, a causa del proprio mix energetico, subirà un incremento dei costi legati alla riduzione delle emissioni di CO2 assai più sostenuto degli altri Paesi europei. Si stima che tale costo - precisa la nota - potrà incidere per circa l'1,14% del Pil, contro una media europea di 0,6%. A ciò si aggiungono le pesanti ripercussioni della crisi economica e finanziaria, che sta mettendo a dura prova la competitività dell'industria europea sui mercati internazionali''.
Per questi motivi Confindustria, ''in linea con le conclusioni del Consiglio europeo, ritiene che un incremento dal 20% al 30% potrà eventualmente avvenire solo nel momento in cui tutti gli altri Paesi industrializzati assumeranno obiettivi equivalenti a quelli della Ue e se i Paesi emergenti attueranno concrete misure di riduzione delle emissioni. Solo in questo modo si potrà ottenere un reale taglio delle emissioni globali''.
L'industria italiana ''è pronta a giocare un ruolo attivo nella transizione verso un'economia a basso contenuto di carbonio, ma servono strumenti adeguati e politiche non penalizzanti, nell'ambito di un accordo globale''.
Confindustria chiede pertanto all'Unione europea ''uno sforzo maggiore nell'incoraggiare la ricerca in tecnologie verdi, nel creare un mercato energetico integrato, nel promuovere l'efficienza energetica in settori quali i trasporti e il residenziale, nell'incoraggiare consumi più sostenibili. Solo su queste basi e dopo un'attenta valutazione, sia delle possibili implicazioni, sia delle concrete opportunità, l'Unione europea potrà decidere se innalzare il proprio obiettivo di riduzione delle emissioni nell'ambito di una strategia in grado di conciliare tutela ambientale, ripresa economica e sicurezza degli approvvigionamenti energetici''.

 



Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50
P.IVA 11494010157

Social CTI

Seguici!

Twitter LinkedIn

Disclaimer - Privacy